PROCEDURE SEMPLIFICATE


Il Servizio si occupa di:

Autorizzare le Ditte che effettuano attività di recupero rifiuti pericolosi e non pericolosi in regime di "Procedure Semplificate" ai sensi degli artt. 214 e 216 del D. Lgs. 152/2006.

Procedimento

L'istituzione denominata "Procedure Semplificate", trae il proprio fondamento nella Direttiva del Consiglio delle Comunità Europee del 15 luglio 1975 n. 442, relativa ai rifiuti, pubblicata sulla G.U.C.E. n. L 194 del 25 luglio 1975. La Direttiva si propone di mettere  sotto controllo l'enorme produzione di materiali di scarto in atto nella Comunità Europea. Si vuole sostanzialmente sapere quanti rifiuti si producono e dove questi recapitano, stimolandone nel contempo il recupero ed il riciclaggio, considerate attività virtuose da incentivare e favorire nel sistema globale di gestione.

Il Decreto Legislativo n. 152/06 del 3 aprile 2006 "Norme in materia ambientale"meglio conosciuto come "Testo Unico per l'ambiente" prevede agli artt. 214 e 216 la possibilità di accedere ad una procedura agevolata per l'esercizio dell'attività di recupero rifiuti. Le condizioni per poter usufruire di tale procedura sono espressamente previste dal D.M. 5 febbraio 1998 per i rifiuti non pericolosi, integrato con particolare riferimento alle quantità massime dal D.M. 4 aprile 2006 n. 186, e dal D.M. 12 giugno 2002 n. 161 per i rifiuti pericolosi, per i quali è esclusa la messa in riserva fine a sé stessa.

Al di fuori delle tipologie e condizioni previste dai due D.M. citati il recupero dei rifiuti pericolosi e non pericolosi non viene consentito se non attraverso le procedure di cui agli artt. 208 e 210 del D.Lgs. 152/2006 da autorizzare da parte della Regione

L'Ente che autorizza è la Provincia competente per territorio. Le Imprese che presentano la Comunicazione per l'attività di recupero in semplificata devono possedere tutte le autorizzazioni necessarie al funzionamento dell'impianto, che deve essere già realizzato; in tal caso l'attività di recupero può essere intrapresa decorsi i 90 giorni dalla comunicazione.

La Provincia iscrive in un apposito Registro le imprese che hanno effettuato la comunicazione e che dispongono dei requisiti previsti per essere ammesse alle procedure semplificate. L'istruttoria della Provincia come previsto dal terzo comma dell'art. 216 del D.Lgs. 152/2006, si basa sulla verifica d'ufficio dei presupposti e dei requisiti previsti per l'esercizio dell'attività.

Condividi con Facebook
Risultati 1 - 1 su 2.
Articoli per pagina 1
di 2

Responsabile del Servizio

 
Riferimento Gerardo De Rosa
Telefono +39.0823.2478556
Fax
E-mail gerardoderosa@provincia.caserta.it
Pec