Comunicati Stampa

Torna alla pagina

Comunicato del 11 giugno 2019 - Sottoscritto l’accordo per l’esercizio congiunto delle attività di Polizia

Sottoscritto l'accordo per l'esercizio congiunto delle attività di Polizia

Oggi 11 giugno nella Sala Biblioteca della sede della Procura Generale della Corte d'Appello di Napoli è stato sottoscritto l'Accordo per l'esercizio congiunto delle attività di Polizia Giudiziaria Ambientale della Polizia Metropolitana di Napoli e della Polizia Provinciale di Avellino, Benevento e Caserta.

Hanno firmato l'accordo il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, Luigi de Magistris, i Presidenti delle Province di Avellino, Benevento e Caserta, rispettivamente Domenico BiancardiAntonio Di Maria e Giorgio Magliocca, il Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli, Luigi Riello, e i Procuratori della Repubblica presso i Tribunali di Napoli, Giovanni Melillo, di Napoli Nord, Francesco Greco, di Torre Annunziata, Pierpaolo Filippelli, di Nola, Anna Maria Lucchetta, di Avellino, Rosario Cantelmo, di Benevento, Aldo Policastro, e di Santa Maria Capua Vetere, Maria Antonietta Troncone.

Giorgio Magliocca - Presidente della Provincia di Caserta

«Oggi è stato fatto un ulteriore e necessario passo in avanti nel contrasto alle conseguenze nefaste che il fenomeno della "terra dei fuochi " ha generato sui nostri territori – ha affermato il Presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca – e solo dall'unione delle forze è possibile finalmente combattere i crimini ambientali, a partire dall'abbandono e incendio dei rifiuti. Per questo ho firmato stamattina l'accordo per l'esercizio congiunto delle attività di Polizia Giudiziaria Ambientale della Polizia Metropolitana di Napoli e della Polizia Provinciale di Avellino, Benevento e Caserta».

«L'obiettivo – ha concluso Magliocca – è la creazione di vere e proprie task force in grado di operare su tutto il territorio delle quattro province e di agire tempestivamente per la salvaguardia dell'ambiente e della salute dei nostri cittadini».

 

Condividi con Facebook