CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE


C) Concessione alla derivazione d'acqua (artt. 6 e ss. del T.U. 1775/33 e succ. int. e mod.)

Gli interessati dovranno presentare un  istanza in bollo indirizzata alla Provincia di Caserta - Settore Tutela del Territorio e Protezione Civile Viale Lincoln ex Area S. Gobain  – 81100 Caserta.
Allegando, in duplice copia, la seguente documentazione:

1)    Planimetria del fondo del terreno con l'indicazione del punto dove è stata eseguita la perforazione e le eventuali   operazioni tecniche relative in scala 1:2000;
2)    Cartografia della zona in scala 1:25.000 con l'indicazione delle coordinate I.G.M. riferite alle aree   di ricerca ( F., quadrante, Lat. e Long.);
3)    Relazione  geologica ed idrogeologica con prove di emungimento e relativi grafici, ciclo di utilizzo delle acque, indicazione del quantitativo di acqua utilizzato espresso in  mc/annui e lt/sec, e dichiarazione se la zona è/non servita da rete idrica consortile;
4)    Disegno tecnico del pozzo, dell'avanpozzo, del pozzetto d'ispezione, ecc.  in scala 1: 50;
5)    Visure catastali di mappa e partita relativi sia al fondo oggetto di ricerca, sia a quelli cui l'opera  è  asservita o autocertificazione;
6)    Certificato di destinazione urbanistica relativo ai fondi di cui al punto  5);-può essere autocertificata dal tecnico  di parte;
7)      Iscrizione Camera di Commercio per le Società;
8)      Titolo di proprietà autenticato là dove la ditta catastale sia a nome di persona diversa dalla ditta
      richiedente;
9)  Autorizzazione del proprietario del fondo a firma autenticata ad eseguire le opere; in  deroga si farà riferimento   all'art. 67 della circ. n.11827/36 Ministero LL.PP.;
10)   Versamento di € 258,23 intestato all'A.P. di Caserta sul c/c postale 25408808 per diritti istruttori  se per uso  industriale o di € 129,11 per scopi diversi, specificando la causale.   
    11)  Tipo di misuratore di portata installato;
   12)  Analisi chimico-batteriologiche delle acque effettuate dall' ARPAC di Caserta, nel caso che le stesse  vengano utilizzate per uso umano, igienico sanitario, zootecnico, per l'irrigazione di ortaggi da consumarsi allo stato crudo e certificato rilasciato, ai sensi del D.lg. 31/2001 e s.i.m., dall' ASL  attestante l'idoneità dell' acqua per l'uso potabile;

Note:
(1)    Nel caso di più proprietari o di proprietà di terzi è necessario allegare delega in carta libera di questi con l'indicazione del domicilio fiscale e codice fiscale. Deve essere esplicitamente dichiarato che la delega riguarda la richiesta di autorizzazione alla ricerca ed il diritto d' uso dell' acqua.
(2)   Produttivi:industriale, umano(industrie alimentari), pescicoltura, autolavaggio, caseificio, ecc. Scopi diversi:
       agricolo, antincendio, igienico sanitari, impianti  sportivi, verde pubblico, ecc.;
(3)   Elettropompa sommersa/non sommersa, motopompa, compressore, ecc.
(4)  Per l'uso potabile e umano(industrie alimentari) bisogna far riferimento al D.Lgs  31/2001 e s.i.m. e all'art. 94 del D.Lgs 152/2006  e succ. int. e mod.

Condividi con Facebook
Risultati 4 - 4 su 4.
Articoli per pagina 1
di 4

Responsabile del Servizio

 
Riferimento Giuseppe Falco - Paola Cioffi
Telefono +39.0823.247.8403
Fax +39.0823.247.
E-mail giuseppefalco@provincia.caserta.it - paolacioffi@provincia.caserta.it
Pec protocollo@pec.provincia.caserta.it