MUSEO PROVINCIALE CAMPANO DI CAPUA
Provincia di caserta
| home | comitato | mappa sito | contatti | login | english |
Reparto Archeologico
Lapidario Mommsen H (Sala I)
Sculture (Sala II)
1° Cortile-2° Cortile
Sarcofagi (Sala III-IV)
Le Madri (Sala V-VI-VII-VIII-IX)
Mosaici (Sala X)
Vasi e Bronzi (Sala XI-XII-XIII-XV)
Terracotte votive (Sala XVI-XVII-XVIII-XIX)
Collezioni monete (Sala XX-XXI)
Terracotte architettoniche (Sala XXII-XXIII)
Reparto Medioevale
Marmi romanici, Capitelli, Pilastrini (Sala XXIV-XXV)
Sculture Federiciane (Sala XXVI)
Sculture Rinascimentali (Sala XXVII)
Pinacoteca (Sala XXVIII)
Auditorium (Sala XXIX)
Iscrizioni longobarde, angioine, aragonesi (Sala XXX)
Sculture dei secoli XVI, XVII, XVIII (Sala XXXI)
Stemmi (Sala XXXII)
Ceramiche medioevali
Sala Martucci
Sala Uccella-Martucci
Biblioteca
Biblioteca
  
Sala Uccella-Martucci 
Sala - in allestimento - raccoglierà cimeli e documenti appartenuti al compositore capuano Giuseppe Martucci, uno dei più insigni musicisti d'Italia, nato a Capua il 6 Gennaio 1856 e morto a Napoli il 1 Giugno 1909. Allievo al Conservatorio di Napoli di Beniamino Cesi e Paolo Serao; la sua fama é legata sopratutto al rinnovamento della cultura musicale italiana.
Nella stessa sala sono sistemate alcune fra le più significative opere dello scultore Raffaele Uccella, di grande sensibilità e dal carattere ribelle e libero che seppe plasmare i soggetti tratti dalla realtà sociale con uno scrupoloso studio dal vero. Nato a S.Maria C.V. nel 1884 e morto nel 1920 in seguito ad una malattia contratta sul fronte del Pasubio, durante la prima guerra mondiale alla quale partecipò col grado di sottotenente degli alpini. Figura di artista fervido e precoce, coltivò molteplici interessi culturali, dal teatro alla pubblicistica, alla critica d'arte. Le sue composizioni compatte e flessuose , veristiche e simboliche, vibranti di vita pur dentro la rigorosa armonia della forma riscossero l'ammirazione, fra gli altri, di Vincenzo Gemito che ne proclamò apertamente la grandezza. Sono presenti nel Museo Campano i seguenti lavori: La vanitosa; L'alpinista; Signora col gatto; Ritratto di A.S.Mazzocchi; Rudimenti; Signora con la nocca; Le mani del mistero. Il suo credo estetico è compendiato in questa sua dichiarazione: "Nell'artista che crea, nel poeta che canta, nel lavoratore che opera, nel contadino che scava, c'è l'anima di un re".
 
La vanitosa



Signora con la nocca



Signora con gatto



L'alpinista



Rudimenti



 
indietro