Programmi comunitari

I Fondi diretti, o “Programmi Comunitari”, si riferiscono a contributi gestiti direttamente dalla Commissione europea o da Agenzie da essa delegate.

Sono sovvenzioni o versamenti di natura non commerciale che devono essere integrati da risorse proprie dei beneficiari finali e servono a realizzare attività definite “soft” (scambi di esperienze e di migliori pratiche, organizzazioni di seminari e convegni, studi ecc.).

Il Programma Comunitario è lo strumento con cui l’Unione europea finanzia l’esecuzione di una serie di azioni per realizzare gli obiettivi che si è prefissata nelle materie di sua competenza. Essi vengono proposti dalla Commissione europea sulla base delle esigenze raccolte presso la società civile e successivamente presentati al Consiglio dell’Unione europea per la loro approvazione. Ogni Programma si fonda su una “base giuridica”, che definisce le azioni che possono essere finanziate, i beneficiari, i Paesi destinatari, i requisiti richiesti e le modalità di sostegno.

In questi casi si possono ottenere sovvenzioni su progetti specifici, pubblici, privati o misti. I Programmi Comunitari, infatti, sono sempre co-fìnanziamenti dell’UE, cioè essi non coprono mai il costo intero di un progetto, ma soltanto una parte

Ogni anno ci sono scadenze prefissate per presentare i progetti presso le Agenzie Nazionali che gestiscono, per conto dell’UE, questi Programmi.

Per poter essere beneficiari dei finanziamenti stanziati da ciascun Programma Comunitario, è necessario rispondere ad appositi bandi, definiti “inviti a presentare proposte”, pubblicati generalmente sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea serie C. .Le proposte rispondenti all’invito, dette anche “progetti”, possono essere presentate da tutte le persone giuridiche stabilite negli Stati membri dell’Unione europea. Generalmente tra la pubblicazione del bando e la sua scadenza intercorrono tre mesi.

Tra i requisiti fondamentali che caratterizzano un progetto comunitario, segnaliamo la transnazionalità, ossia il fatto che un’iniziativa in genere deve coinvolgere obbligatoriamente due o più enti provenienti da diversi Stati partecipanti al Programma.

Visualizza i bandi aperti sul bollettino d’informazione L’ €uropa finanzia novembre/dicembre 2011

agricoltura-e-pesca4 aiuto-umanitario-cooperazione4

ambiente4 educazione-e-cultura3

energia-e-trasporti6 giustizia-e-sicurezza2

innovazione-imprese5 occupazione-e-affari-sociali2

ricerca-e-sviluppo-tecnologico3 salute-e4

informazione6 affari-economicie-finanziari2

fiscalita-e-unione-doganale5 olaf2